Perché sono venuta in Laos

OLYMPUS DIGITAL CAMERA


Oggi ho visitato il COPE centro no profit che aiuta le vittime degli ordigni inesplosi. L’entrata al centro e’ completamente gratuita; si possono fare donazioni o comprare al negozio del centro piccoli gadget, come questo portachiavi che porto sempre con me per ricordarmi di quanto io sia fortunata.

I proventi sostengono il centro che collabora con il Centre for Medical Rehabilitation (Centro Medico per la Riabilitazione), che crea e fornisce protesi alle vittime, oltre ai servizi di riabilitazione.

Vi do qualche numero: durante la guerra in Vietnam l’esercito USA  ha sganciato 2 milioni di tonnellate di bombe in Laos, un paese che si era dichiarato neutrale. Il 30% di queste sono

tutt’oggi inesplose. Più di 50mila persone sono morte dal 1964.

A chi mi chiede (e di solito con una faccia che mi fa credere che mi stiano dando della pazza)

”Ma cosa ci vai a fare in Laos? Visto un paese asiatico li hai visti tutti no?”.

Vi rispondo così:

Vado in Laos perché i posti che si visitano sono fatti di e dalle persone; i posti che si visitano sono il risultato della loro storia; i paesi che si visitano non sono solo i monumenti o i negozi presenti. Sono lontana dall’ Italia dove a volte i problemi sembrano essere la fila in posta, la coda nel traffico, internet troppo lento. Vado in Laos perché mi posso ricordare che le mie sono solo piccole frustrazioni e che la qualità della vita é poter arare il tuo campo senza aver paura di saltare per aria; é poter andare a scuola senza perdere una gamba; é poter vedere crescere i tuoi figli perché hai ancora tutti e due gli occhi. Viaggio e vado in Laos perché come dice la mia saggia mamma: L’IGNORANZA E’ UNA COLPA. Viaggio e vado in Laos per essere meno ignorante e apprezzare di più quello che ho. E io ho veramente tanto!

iproduzione bombe al COPERTA centre

Per chi fosse interessato ecco il link al film che hanno proiettato oggi al centro ”Surviving the Peace” (Sopravvivere alla Pace)  [youtube=http://youtu.be/zWdrn7pOuSs]

Laos: siamo poi così diversi?
passa parola
it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano